Tao magazine Ultime da TaoMagazine

Sclerosi Multipla: La storia di Michel Moscatelli

0 Commenti
729
30 mag 2024

In occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla, vogliamo portarvi anche la testimonianza di Michel Moscatelli, nostro nuovo brand ambassador. Come spiega Michel nell’intervista, non sempre i sintomi sono riconosciuti e riconducibili alla Sclerosi Multipla perché sono a volte troppo simili a quelli di altre malattie. È fondamentale quindi fare tutte le analisi per determinare il prima possibile se si tratta di questa patologia neurodegenerativa per poter intervenire con terapie adeguate per rallentarne la progressione. 

AncheTaopatch®, il nostro dispositivo medico di riequilibrio neuro-muscolare e posturale, può aiutare a gestire i sintomi della Sclerosi Multipla. Diversi studi e ricerche hanno dimostrato come l’uso della nostra nanotecnologia non solo porti un arresto dell’avanzamento della malattia, ma significativi miglioramenti duraturi solo dopo 3 mesi di trattamento. In particolare, è stato comprovato come Taopatch® possa alleviare sui pazienti di Sclerosi Multipla il dolore e migliorare i movimenti del capo, degli arti inferiori e del busto. Grazie a metodi di applicazione mirati, si è riscontrato anche un miglioramento del loro aspetto emotivo e del benessere generale, tutto senza il rilascio di nessuna sostanza chimica e senza effetti collaterali.

Il più recente studio scientifico, pubblicato sulla rivista European Journal of Translational Myology e sulla prestigiosa banca dati della medicina PubMed, dimostra infatti come un protocollo di riabilitazione del sistema propriocettivo, combinato con l’uso di Taopatch®, migliori nei pazienti affetti da Sclerosi Multipla la forza dell’impugnatura, l’equilibrio e i parametri biochimici, compresi i livelli di produzione di Vitamina D a livello endogeno. Una maggiore produzione di Vitamina D si traduce in un benessere psicofisico dell’organismo. 

Ma sentiamo come Michel sta affrontando la malattia e come Taopatch® lo sta aiutando non solo nella gestione dei sintomi, ma anche nella sua performance sportiva. 

Ciao Michel, grazie per dedicarci del tempo oggi, puoi parlarci della tua vita prima e dopo la diagnosi della Sclerosi Multipla?

I primi sintomi li ho avuti nel 2009 con la diplopia e all’epoca facevo l’elettricista, ma dal 2017 ho cambiato lavoro e ora sono un tecnico meccanico/elettrico di macchine industriali nel settore calzaturiero, fortunatamente la mia invalidità non ha fatto risentire cambiamenti al lavoro, solo quando devo fare sforzi un po’ più pesanti cerco di farmi aiutare ma succede poche volte.

Prima della diagnosi giocavo a pallavolo, ma non a livello professionista. Mi facevo sempre male alla schiena. Tutti quanti mi dicevano che era un problema di ernia. In realtà, la causa era lo scompenso della gamba sinistra che non aveva forza. Ma io non lo sapevo allora, pensavo che la pallavolo fosse la causa. 

Quindi, su suggerimento di un amico, cambiai sport e iniziai a fare Triathlon, una disciplina che include nuoto, corsa e bici. Avevo comprato una bicicletta performante con dei sensori di potenza a destra e a sinistra ed è stata proprio la bicicletta a farmi capire che avevo la Sclerosi Multipla. 

Infatti, quando uscivo in bici vedevo che la gamba destra era più forte: perché pedalava al 60% mentre la sinistra al 40%. Il mio allenatore, il mio fisioterapista, il chiropratico ancora una volta dicevano che fosse era dovuto a diverse ernie discali.

Dopo aver fatto una nuova risonanza magnetica, un chirurgo mi disse che la causa non era l'ernia, ma un problema neurologico. Dopo una settimana di mille analisi arrivò la diagnosi di Sclerosi Multipla. Era il 2019. 

Come hai affrontato la diagnosi e la terapia?

All’inizio, mi sono sentito mancare la terra sotto i piedi. Ricevere una diagnosi così, ti butta giù di morale, ma come ogni problema, bisogna sempre trovare il modo di affrontarlo. La mia terapia mi aiuta a non far avanzare la malattia e al momento non ho avuto più ricadute.

Chi ti ha parlato per primo di Taopatch® e per quale motivo hai deciso di provarlo?

Ho conosciuto Taopatch® tramite Instagram e la voglia di provarlo era tanta, nella speranza che potesse aiutarmi.

Come è stata la prima visita?

Il primo appuntamento non lo dimenticherò mai: appena indossati i dispositivi, mi sono sentito veramente in bolla.

Quali benefici hai riscontrato da subito indossando i dispositivi?

La prima sensazione era di entusiasmo, di grinta e di tanta voglia di fare.

Quali altri benefici hai notato invece a distanza di tempo?

Un movimento con la gamba sinistra che non riuscivo a fare, oggi con Taopatch® è possibile.

Come è cambiata oggi la tua vita con Taopatch® e la tua convivenza con la Sclerosi Multipla?

Non è molto che indosso Taopatch®, quindi credo che ci saranno ancora altri cambiamenti. La Sclerosi Multipla è ormai parte integrante della mia vita, ma ogni giorno trovo la forza di andare avanti.

Com’è la tua performance sportiva?

Praticare Triathlon già non è facile, figuriamoci con la Sclerosi Multipla! Ma la voglia di fare e di mettermi in gioco è tanta. Fare sport è parte integrante della terapia, sento che più do input al fisico e meglio sto.

Quali dispositivi usi e su quali punti di applicazione?

Al momento uso il PLATINUM, il PRO, l’EMOTION e lo START. Li indosso sul piede, sui polsi, sul petto e sulla cervicale. Gli START al bisogno sui punti addoloranti.

Li raccomanderesti ad altri?

Sì, assolutamente e se incontrassi il Dr. Fontana gli direi grazie per aver inventato questo dispositivo e di investire sempre di più sull’innovazione di questa tecnologia perché, facendo così, potrà migliorare lo stile di vita di tante persone.

Vorresti mandare un messaggio particolare in occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla? 

Bisogna impegnarsi sempre e dare il massimo, senza abbattersi, perché la vita ci mette davanti ogni giorno degli ostacoli, ma la differenza la facciamo noi per come li affrontiamo.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Il mio sogno nel cassetto spero si avveri a settembre: mi sono iscritto ad IRONMAN, una gara di Triathlon di lunga distanza che include 3.800m di nuoto, 180km di bici e 42km di corsa.

E noi ti auguriamo di realizzarlo, Michel! Anche se, con il supporto di Taopatch® siamo certi che riuscirai ad affrontare anche questa sfida brillantemente. 

Se anche tu vuoi provare i benefici di Taopatch®, visita www.taopatch.com.

Comunicazione rivolta agli operatori professionisti. 

0.0
Ultima modifica: 30 maggio, 2024
Articoli correlati: Sclerosi Multipla: La storia di Erica Benati Vincere con la Sclerosi Multipla La nanotecnologia Taopatch® e la Sclerosi Multipla Conosci Michele Antonelli, nostro brand ambassador La Sclerosi Multipla non li ferma: Agostinetto e Furlani alla Maratonina della Vittoria Taopatch® e le cefalee: la storia di Michele Missione compiuta: Michele Agostinetto completa il suo viaggio da sclero Michele Agostinetto arriva a Roma Michele Agostinetto è ospite a Uno Mattina Taopatch® e la Sclerosi Multipla
sclerosi-multipla-storia-di-michel-moscatelli

Nessun commento ancora...

dispiace solo registrati e loggati possono inviare commenti. Accedi o registrati.