Tao magazine Ultime da TaoMagazine

Articolo sull'Alzheimer e la terapia luminosa di Futuro Prossimo (12/12/2023)

0 Commenti
1732
14 dic 2023

Un articolo di Futuro Prossimo, magazine digitale che fornisce notizie sul futuro di tecnologia, scienza e innovazione, ha diffuso una notizia che ci ha reso molto felici. Uno studio condotto in Cina, i cui risultati sono stati pubblicati una settimana fa, dimostra come la terapia della luce, o fotobiomodulazione, migliori il sonno e i sintomi comportamentali nei malati di Alzheimer. 

Con la nostra nanotecnologia medica Taopatch® avevamo già intuito che la terapia luminosa potesse essere un supporto importante anche in questa patologia. Infatti, negli anni, abbiamo visto importanti benefici di Taopatch® in pazienti con malattie neurodegenerative come la Sclerosi Multipla e il Parkinson, tutti documentati e dimostrati scientificamente da ricerche pubblicate su riviste internazionali e indicizzate su PubMed. Il nostro dispositivo medico, non solo è risultato un alleato per poter migliorare la postura e il movimento in queste persone, ma anche un supporto per il loro benessere psico-emotivo. 

Uno studio recente, infatti, ha evidenziato anche come Taopatch® PRO, abbinato ad un protocollo propriocettivo, sia utile ad aumentare la produzione endogena della Vitamina D in persone con la Sclerosi Multipla. La Vitamina D agisce regolando il sistema immunitario e nel rilascio della serotonina e dopamina, entrambi ormoni responsabili del buonumore. 

Sappiamo poi che l'utilizzo di Taopatch® EMOTION può regolare i ritmi circadiani del sonno-veglia, i quali migliorano la qualità del sonno e influiscono sul funzionamento ottimale dell'organismo. Inoltre, sempre attraverso l'emissione di lunghezze d'onda specifiche, l'EMOTION può migliorare la nostra capacità di rilasciare neurotrasmettitori che controbilanciano lo stress. 

Tutti benefici di cui tutti possiamo fruire, specialmente le persone affette da patologie degenerative che normalmente presentano bassi livelli di Vitamina D, disturbi del sonno, con relativo stress e depressione. È incoraggiante sapere quindi che anche nel caso dell'Alzheimer la terapia luminosa può essere un aiuto importante. 

Contro l'Alzheimer un tramonto artificiale: una luce fa sperare i pazienti

Una ricerca mostra che la terapia della luce, o fotobiomodulazione, migliora il sonno e i sintomi comportamentali nei malati di Alzheimer

di Gianluca Riccio 12/12/2023

https://www.futuroprossimo.it/2023/12/contro-alzheimer-un-tramonto-artificiale-una-luce-di-speranza-per-i-pazienti/

Grazie agli sforzi della Weifang Medical University in Cina, la luce potrebbe combattere i sintomi dell'Alzheimer. La ricerca, un'analisi meticolosa di 15 studi clinici, apre un nuovo capitolo nell'approccio non farmacologico alla malattia, mettendo in luce (letteralmente) la potenzialità della fotobiomodulazione. Ve la linko qui, se volete approfondirla: intanto ne parliamo.

Cos'è la fotobiomodulazione

La fotobiomodulazione (PBM) è un trattamento che utilizza luce di specifiche lunghezze d'onda per stimolare il nucleo soprachiasmatico (SCN) del cervello, una regione cruciale nella regolazione del sonno che (come recentemente scoperto) è legata anche all'Alzheimer. Questa terapia innovativa mira a ripristinare l'equilibrio nei ritmi circadiani dei pazienti, spesso compromessi dalla malattia.

Un approccio innovativo per i sintomi dell'Alzheimer

L'Alzheimer, una malattia che colpisce primariamente la funzione cognitiva, porta con sé una serie di sintomi psicocomportamentali e disturbi del sonno. Circa il 70% dei pazienti soffre di interruzioni del sonno nelle prime fasi della malattia, e quasi tutti manifestano sintomi come apatia, depressione, agitazione e aggressività. La fotobiomodulazione emerge come un faro di speranza, offrendo un miglioramento nella qualità del sonno e un alleggerimento del carico emotivo dei caregiver.

La pratica della terapia della luce 

La terapia della luce comporta l'esposizione a luce brillante simile a quella solare, con intensità fino a 10.000 lux, per circa mezza ora al giorno. I recettori retinici trasmettono le informazioni luminose al SCN, che a sua volta coordina il nostro ritmo circadiano naturale, un orologio biologico di 24 ore. 

Precedentemente utilizzata per trattare la depressione, in particolare il disturbo affettivo stagionale, la fotobiomodulazione mostra grandi potenzialità come soluzione anche per i pazienti con Alzheimer.

Risultati e considerazioni

Nonostante l'entusiasmo, a mio avviso la ricerca non è priva di punti deboli, paradossalmente proprio per la mole di dati osservati. Le differenze nelle tecnologie di luce utilizzate, le lunghezze d'onda e i tempi di trattamento portanl a una certa variabilità nei risultati.

Anche le discrepanze nelle popolazioni dei pazienti suggeriscono la necessità di ulteriori indagini. C'è da rilevare, però, che la tendenza sembra solida anche al netto del margine di errore: i benefici osservati nel miglioramento dell'efficienza del sonno, dell'umore depresso e del comportamento agitato sono incoraggianti.

La luce in fondo al (lungo) tunnel

Il cammino verso una cura definitiva per l'Alzheimer è ancora lungo, ma la fotobiomodulazione è un alleato promettente per "illuminarlo" e alleviare i sintomi della malattia. Gli autori dello studio esortano a ulteriori ricerche su larga scala per confermare l'efficacia e la sicurezza della terapia della luce. Con un occhio attento ai potenziali effetti collaterali della luce intensa e alla necessità di personalizzare i trattamenti, la comunità scientifica guarda con ottimismo a questa nuova frontiera.

L'idea di usare la luce (un elemento così fondamentale e naturale) per migliorare la qualità della vita dei pazienti offre nuove speranze in un campo che ne ha disperatamente bisogno.

Comunicazione rivolta ad operatori professionali.

0.0
Ultima modifica: 15 dicembre, 2023
Articoli correlati: La rivoluzione luminosa di Taopatch® I crampi muscolari e la terapia luminosa Articolo di Politika del 21/06/2024 Articolo di Sport Klub del 13/06/2024 Articolo di L'Esodo Maggio 2024 Articolo di Class, Milano Finanza, del 04/04/2024 Articolo di Novella 2000 Beauty del 02/04/2024 Articolo di Evolve per Il Messaggero del 04/03/2024 Articolo di Beesnees Gennaio-Febbraio 2024 Articolo di Video Informazioni del 10/02/2024
alzheimer-terapia-luminosa

Nessun commento ancora...

dispiace solo registrati e loggati possono inviare commenti. Accedi o registrati.